VILLA VIZCAYA

Situato a nord di Coconut Grove, VIZCAYA Museum and Gardens è più di un museo: è un’oasi di pace miracolosamente conservata a sud del moderno Skyline di Miami

Miami History Project
Vizcaya Museum & Gardens

Villa Vizcaya, la residenza invernale di James Deering, fu costruita tra il 1914 e il 1922 nella zona Coconut Grove di Miami. La tenuta era interamente circondata da una foresta subtropicale – la Main House e i giardini apparivano come una visione onirica in mezzo alla giungla sulle rive della Biscayne Bay.

Vizcaya prende il nome dall’omonima provincia Basca. Deering voleva tramandare il concetto che Vizcaya, fosse come un mitico esploratore e scelse come simbolo principale della villa le caravelle  (che ricordano l’epoca delle grandi esplorazioni del nuovo mondo). All’ingresso della proprietà una statua del mitico esploratore “Bel Vizcaya” vi darà il benvenuto…

Villa Vizcaya può essere considerata un’espressione dell’American Renaissance, il suo stile in particolare, fa riferimento al rinascimento Veneto a quello Barocco. Sapevate che Villa Vizcaya è stata costruita seguendo lo stile della seicentesca Villa Rezzonico di Bassano del Grappa?

Nel 1914 , Deering assunse 1.000 operai per poter realizzare il suo sogno. Lui e il suo interior designer/architetto di fiducia , Paul Chalfin, setacciarono l’Europa in cerca di mobili d’epoca, oggetti d’antiquariato e dipinti. Importarono pannelli dorati, mensole scolpite e soffitti affrescati provenienti dalla Toscana e dalla Francia per poter rivestire le pareti della villa. Ci sono voluti anni per perfezionare le 70 camere del palazzo, di cui 34 arredate con tesori risalenti al XV secolo.

Alla scoperta di Villa Vizcaya e dei suoi giardini: un tripudio di arte all’italiana

Miami History Project

Villa Vizcaya è unica nel suo genere per l’adattamento dello stile europeo con il paesaggio subtropicale di Miami. Infatti, per la costruzione della villa furono impiegati sia i marmi provenienti dall’Europa sia la pietra locale. Deering realizzò il suo progetto nel pieno rispetto dell’ambiente circostante, così da poter conservare le fitte foreste autoctone dell’entroterra e le mangrovie lungo la costa.

Gli splendidi giardini, progettati dall’architetto paesaggistico Diego Suarez, sono dominati da una notevole varietà di piante, arbusti e fiori disposti in forme geometriche. Durante il percorso rimarrete estasiati dalla bellezza e dai profumi delle viti e delle orchidee, ma soprattutto dalle fontane e dalle magnificenti sculture che costellano l’intero parco. 

Una delle tante particolarità di questa villa è senza dubbio la “chiatta di pietra” che affiora dall’acqua, all’interno della baia, in passato fungeva da frangiflutti e protezione per la villa. Questa chiatta in pietra fu creata dallo scultore americano Alexander Stirling Calder tra il 1917 e il 1919, ed è una delle tante opere d’arte di questa meravigliosa casa-museo. 

Vizcaya Museum & Gardens

Deering e i suoi ospiti spesso attraccavano le loro barche, a volte anche le gondole, in perfetto stile italiano, per accedere ai bellissimi giardini. Deering oltre alle sue passioni marittime, aveva un debole anche per il cinema. Spesso, durante le caldi notti d’estate, si divertiva a guardare i film di Charlie Chaplin nel cortile all’aperto.

Infine, all’estremità sud troviamo la Tea House con il suo delicato tetto in filigrana e una vista mozzafiato sulla baia.

La parte più nascosta di questa “poliedrica” Villa, vi lascerà senza fiato: sto parlando della grotta-piscina creata da Robert Winthrop Chanler. La grotta, le sue pareti, il soffitto e gli interni della piscina raffigurano mondi sottomarini surreali e la vita marina in tutta la sua bellezza. Deering utilizzava la piscina, assieme ai suoi ospiti, come rimedio rinfrescante dopo aver trascorso una lunga giornata assolata lungo la baia. Purtroppo negli anni, questa parte della villa ha subito diversi danni a causa degli uragani. Attualmente la grotta-piscina è stata restaurata ed è tornata al suo originale splendore.

Pinterest

Sapevate che Villa Vizcaya aveva anche una sorta di sala giochi? C’era una pista da bowling, un tavolo da biliardo e una sala da sigaro vicino al camino.

Attualmente questa zona ospita il Café e lo Shop. 

Villa Vizcaya è aperta al pubblico dal giovedì al lunedì  dalle 9.30 am alle 5 pm.

3251 S Miami Ave, Miami, FL 33129

Spero che questa prima tappa con #MIAMIHISTORYPROJECT via sia piaciuta! See you soon 🔜 

( ENG ) Villa Vizcaya, James Deering’s winter residence, was built between 1914 and 1922 in the Coconut Grove area of Miami. The estate was entirely surrounded by subtropical forest – the Main House and gardens appeared like a dreamlike vision amidst the jungle on the shores of Biscayne Bay.

Vizcaya take its name from the Basque province. Deering wanted to pass on the concept that Vizcaya, was like a mythical explorer and chose as the main symbol of the villa the caravels (reminiscent of the era of the great explorations of the New World). At the entrance of the property a statue of the mythical explorer “Bel Vizcaya” will welcome you…

In 1914, Deering enlisted 1,000 workers to bring his dream home to life. He and his design partner Paul Chalfin scoured Europe for the finest furnishings, antiques and paintings. The duo imported gilded panels, carved mantels and fresco ceilings from Tuscany and France to line the villa walls. It took years to perfect the mansion’s 70-plus rooms, 34 of which overflow with treasures dating back to the 15th century.

Vizcaya’s villa exterior and garden architecture is a composite of different Italian renaissance villas and gardens, with French renaissance parterre features , based on visits and research by Chalfin, Deering, and Hoffman. The villa facade’s primary influence is the Villa Rezzonico by at Bassano del Grappa in the Veneto, region of northern Italy.


The villa is unique in its adaptation : European style with the subtropical landscape of Miami. In fact for the construction of the villa were used both marble from Europe and local stone. Deering developed his project in full respect of the surrounding environment, so that he could preserve the dense native forests of the hinterland and the mangroves along the coast.


The gardens, designed by landscape architect Diego Suarez, are dominated by a remarkable variety of plants, shrubs and flowers arranged in geometric shapes. As you walk through, you will be enraptured by the beauty and scents of the vines and orchids, but above all by the fountains and magnificent sculptures that are in all park.

One of the many special features of this villa is undoubtedly the “stone barge” that emerges from the water, inside the bay, which in the past served as a breakwater and protection for the villa. This stone barge was created by American sculptor Alexander Stirling Calder between 1917 and 1919, and is one of the many pieces of art in this wonderful museum. 

Finally, at the south end we find the Tea House with its delicate filigree roof and breathtaking views of the bay.

Deering and his guests often docked their boats, sometimes even gondolas, in perfect Italian style, to access the beautiful gardens. In addition to his maritime passions, Deering also had a thing for movies. Often, on summer nights, he enjoyed watching Charlie Chaplin movies in the outdoor courtyard.

The final part of the tour of this “multifaceted” Villa will take your breath away: I’m talking about the cave-pool created by Robert Winthrop Chanler. The cave, its walls, ceiling and pool interiors depict surreal underwater worlds and marine life in all its beauty. Unfortunately, over the years, this part of the villa has suffered several structural damages due to hurricanes. Currently, the cave-pool has been restored and is back to its original glory.
Deering used the pool along with his guests as a refreshing remedy after spending a long sunny day along the bay.

Did you know that Villa Vizcaya also had a game room of sorts? There was a bowling alley, a pool table and a cigar room near the fireplace.

Currently this area houses the Café and Shop. 

Villa Vizcaya is open to the public from Thursday to Monday from 9:30 am to 5 pm.

3251 S Miami Ave, Miami, FL 33129

I hope you enjoyed this first episode with #MIAMIHISTORYPROJECT! See you soon 🔜

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: